di Omar Gelsomino  Foto Aeronautica Italiana

L’Air show è sempre un appuntamento imperdibile. Nemmeno il vento e la pioggia hanno fermato per un solo istante né il pubblico né le Frecce Tricolori. Così come da programma lo scorso 25 settembre la pattuglia acrobatica italiana dopo essere decollata dall’aeroporto di Comiso ha raggiunto il litorale di Donnalucata per iniziare l’esibizione ormai famosa in tutto il mondo. Migliaia le persone riversatesi sulla fascia costiera e i promontori ad assistere a questo grande spettacolo. Dopo l’appuntamento a Marina di Ragusa sette anni dopo le Frecce Tricolori sono tornate a dipingere il cielo grigio ragusano coi colori della nostra bandiera. Il pubblico ha potuto assistere alle dimostrazioni di un elicottero HH 139A del 82°Centro C.S.A.R. e degli Eurofighter F2000 del 37° Stormo di Trapani, nonchè del “familiare” velivolo Breguet 1150 Atlantic del 41° Stormo Antisom di Sigonella che dal 1972 vola su quel litorale a salvaguardia delle nostre coste e mari. Lungo le vie di Donnalucata sono stati adibiti diversi stand tra i quali l’area espositiva istituzionale dell’AM e quello illustrativo dell’Aeroporto e del 41° Stormo Antisom di Sigonella che per l’occasione ha mostrato, incuriosendo gli appassionati, un intero “cockpit” (cabina di pilotaggio) dell’Atlantic.

Uno spazio è stato dedicato anche ai giovani studenti dell’Istituto Tecnico Commerciale e Aeronautico “Fabio Besta” di Ragusa, guidati dal Dirigente Scolastico dott.ssa Antonella Rosa, e i piccoli “Lupetti” dell’associazione gruppo scout Ragusa7, guidati dal capo gruppo Leonardo Salamone, i quali hanno incontrato i Piloti delle Frecce Tricolori.

Uno spettacolo molto suggestivo quello delle «Frecce Tricolori» che sulle note dell’inno d’Italia sul cielo di Donnalucata componevano una serie di figure straordinarie strappando tantissimi applausi a scena aperta e regalando ai presenti emozioni intense grazie a quei colori che sembravano quasi dipinti in quel cielo plumbeo.

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *