Editoriale La redazione

Le battute conclusive del primo anno di Bianca Magazine disegnano lo scenario presente e futuro del nostro impegno lavorativo. Un anno di passione giornalistica, un anno di dedizione e ricerca.

Valorizzare i talenti è stato il filo conduttore del nostro indagare, l’ispirazione iniziale ha trovato seguito nei tanti volti ritratti in articoli e foto. Bianca nasce in Sicilia, ma sa osservare lontano, volge lo sguardo a chi della sua arte ha fatto la propria missione di vita, muovendosi fra le regioni alla ricerca del talento nascosto e di quello già celebrato.

Bianca è essa stessa ispirazione, trae origine dalla volontà di esaltare la Bellezza e premiare l’Eccellenza, si nutre dei paesaggi, dei sapori,dei profumi della nostra cucina, vive della creatività della sua gente.

Leggere Bianca vuol dire viaggiare e scegliere di farlo evidenziando i pregi della nostra terra e la meraviglia dei suoi protagonisti. L’amore e la devozione per il bello trovano ristoro negli uomini e nelle donne che in questo tempo ne ricercano i benefici e che ad esso aspirano, questo è il senso della nostra ricerca: fornire a chi lo desidera un approdo celebrativo dell’arte.

Nella cornice della nostra rivista abbiamo esaltato il talento di Roberto Toro, Ambasciatore della cucina italiana nel mondo,  abbiamo rivissuto il rito e la tradizione della transumanza trasposta in musica dall’artista Alfio Antico, ci siamo appassionati al sogno per la recitazione di Giuseppe Brancato, abbiamo lasciato che le idee innovative dei giovani di Orange Fiber venissero apprezzate e rese note.

Desideriamo festeggiare questo primo anno con l’augurio di poter rivivere insieme ai nostri lettori il viaggio emozionale nei colori e nei sapori della nostra terra, un percorso bellissimo da vivere mille volte ancora tra cibo, musica e cultura.

Vogliamo continuare nello spirito di Alex Zanardi “Vorrei fare qualcosa in più nella mia vita”

Grazie infine ad Emanuele per aver ideato ed investito su questo progetto.

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *