Articolo a cura di Alessia Giaquinta

La nostra splendida Isola, secondo una leggenda, ha preso il suo nome da una principessa araba: Sicilia, appunto.

Si narra che la nascita della fanciulla, fosse legata a una tremenda profezia, ella, infatti, raggiunto il quindicesimo anno di età, avrebbe dovuto lasciare la propria terra (il Libano) e avventurarsi da sola nelle acque del Mediterraneo per sfuggire a un terribile mostro pronto a divorarla.

La principessa, dunque, si mise in viaggio su una barchetta, senza meta, ansiosa di approdare in qualche posto che avrebbe determinato la sua salvezza.

Passarono i giorni e i mesi, e Sicilia continuava a navigare nel Mar Mediterraneo, intanto i suoi rifornimenti di cibo iniziavano a scarseggiare…

Proprio quando lo scoraggiamento stava per avere la meglio, la fanciulla giunse in una terra disabitata, piena di frutti, magnifici fiori, con tante risorse e riscaldata dal sole. Un posto veramente splendido!

Sicilia, finalmente, ebbe di che sfamarsi ma, col passare del tempo, divenne sempre più triste. Non aveva nessuno con cui parlare, nessuno con cui condividere le bellezze di quell’Isola.

Un giorno giunse un giovane a farle compagnia. Egli spiegò alla fanciulla che erano i soli a essere in quella terra: una terribile pestilenza, infatti, ne aveva ucciso tutti gli abitanti. Sarebbe toccato a loro ripopolarla.

I due, così, si unirono diventando i capostipiti del popolo siciliano.

L’Isola prese il nome della principessa grazie alla quale si ripopolò quella meravigliosa terra di cui noi, oggi, siamo abitanti e figli, figli per l’appunto di Sicilia.

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *