Articolo di Angelo Barone

Viagrande, 1° marzo 2019 visita oncologica post-operazione chirurgica al colon.
«Buongiorno, sono la Dottoressa Mare, la stavo aspettando, come sta?». «Bene» rispondo. «Come ha scoperto di avere un tumore?». «Facendo una colonscopia». «Perché ha fatto la colonscopia, stava male o ha avuto sintomi particolari?». «No, stavo bene e non ho avuto nessun sintomo, ho fatto la colonscopia su sollecitazione di mio figlio». «Suo figlio è medico?». «No, è un fautore delle attività di prevenzione delle malattie». «Sappia che suo figlio le ha salvato la vita, il suo tumore era particolarmente aggressivo».
Sono fortunato ad avere due figli come Francesco e Andrea. Da questa esperienza ho capito quanto sia importante una tempestiva attività di prevenzione per evitare l’insorgere di alcuni mali e per divulgarne la pratica nasce questa rubrica di Bianca Magazine: uno spazio disponibile a tutte le campagne informative di associazioni ed enti impegnati a divulgare le buone prassi della prevenzione medica per avere maggiore cura di noi stessi.
Una delle malattie che arreca maggiori danni al nostro corpo è il tumore, ne esistono di vari tipi, si sviluppano in diverse parti del corpo e una delle cause che ne favorisce lo sviluppo è la nostra superficialità nelle attività di prevenzione. Ad esempio: se tutte le donne tra i 25 e i 64 anni effettuassero il pap test ogni tre anni, i tumori al collo dell’utero diminuirebbero del 90 per cento; l’esame mammografico consente di individuare il tumore della mammella in una fase molto precoce e l’80-90 per cento delle donne, con un tumore di piccole dimensioni e senza linfonodi colpiti, può guarire definitivamente; la ricerca del sangue occulto delle feci, in un’alta percentuale dei casi, consente di individuare e, quindi, curare il tumore del colon in una fase molto precoce. Come si evince da questi dati le attività di prevenzione diventano essenziali e divulgarne la pratica sarà una nostra mission.
Cominciamo con il divulgare le campagne di screening oncologici dell’Asp di Catania che hanno lo scopo di individuare la malattia nelle fasi iniziali. Ciò permette di intervenire tempestivamente con le cure più appropriate facilitando la guarigione e riducendo la mortalità. Gli interventi sono gratuiti: garantiscono la qualità e la continuità del percorso di diagnosi e delle possibili cure, compresi gli eventuali trattamenti chirurgici.
Il dottor Renato Scillieri, Direttore dell’U.O.C. Prevenzione delle malattie cronico degenerative-screening oncologici del Dipartimento di Prevenzione dell’Asp di Catania, ci conferma: «È importante diffondere la cultura della prevenzione oncologica e dare le corrette informazioni in modo da indurre la gente a partecipare in maniera consapevole. Gli screening rientrano tra i LEA ovvero sono attività che vengono sempre offerte alla popolazione, in questo caso in specifiche fasce: donne tra i 50 e i 69 anni per lo screening mammografico; donne tra i 25 e i 64 anni per lo screening ginecologico; uomini e donne tra i 50 e i 70 anni per lo screening del tumore del colon retto. Ogni anno sono coinvolte circa 500.000 persone attraverso una lettera d’invito ed è attivo un numero verde gratuito (800894007) per prenotare mammografie e pap test e ricevere informazioni. L’adesione è in costante crescita e l’Asp per lo screening del tumore al colon sta avviando ulteriori azioni di promozione per coinvolgere maggiormente la popolazione. Nell’ultimo anno in provincia di Catania con la nostra attività sono state individuate (cancri e formazioni a rischio di trasformarsi in tumori) circa trecento lesioni al colon (adenomi iniziali, avanzati e cancri circa 50 lesioni della cervice uterina e circa 70 tumori alla mammella. Queste persone hanno ricevuto cure efficaci e tempestive che hanno facilitato la guarigione. Ciò attesta l’importanza di scoprire un tumore precocemente».

Vi sollecitiamo a rispondere all’invito spedito a casa da parte dell’Asp. Se non vi è arrivato chiamate il numero verde 800.894.007 per fissare un appuntamento, oppure rivolgetevi al vostro medico di famiglia per ottenere informazioni, chiarimenti e consigli sulla vostra salute e sui programmi di prevenzione.

 

 

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *