Scrivi per iniziare la ricerca

Bianca Magazine N.25 Bianca Talent

Roccuzzo, un talento che emoziona

Pubblica

Articolo di Alessia Giaquinta

È stata definita “la voce più emozionante di X Factor”. Apprezzato immediatamente dai giudici del talent, esaltato dalle cantanti Arisa ed Elisa per il suo modo speciale di interpretare i brani, ed acclamato dal pubblico di tutta la nazione, che lo ha sostenuto durante le selezioni e che si è ribellato contro la scelta della sua eliminazione, nella Last Call, fatta da Emma. Il suo nuovo singolo “Ricominciamo da qui” e le sue interpretazioni di brani, trasmesse anche in radio, ad oggi, contano migliaia di ascolti e visualizzazioni nei canali Youtube e Spotify.

Parliamo di Giuseppe Roccuzzo, in arte Roccuzzo, il giovane talento giarratanese conosciuto ormai in tutta Italia per la sua spiccata sensibilità e il suo timbro vocale non comune. Classe ’96, il giovane vive a Luino (Varese) per motivi di lavoro ma “vede la Sicilia ovunque”, come dichiara lui stesso.

 

Quando e come nasce la tua passione per il canto?

«La mia passione per il canto nasce praticamente con me. Mia mamma, infatti, ha sempre cantato ai matrimoni, a casa… . Papà, invece, suona a chitarra. Potete immaginare allora che, da quando sono nato ho sempre ascoltato musica. Poi mi sono appassionato con il tempo, sempre insieme alla mamma. Così ho pian piano capito che la musica è “il posto” dove volevo e voglio stare».

Qual era il mestiere che volevi fare da bambino?

«(Ride, ndr). Io ho sempre voluto cantare. Da bambino dicevo solamente “cantare” ma non realizzavo che potesse essere un mestiere, invece col tempo ho capito che esiste e voglio fare quello».

Raccontaci l’esperienza a X factor.

«Un’esperienza bellissima, anche se alla fine c’è stato un grande “no”. Mi è servita a capire l’impatto che io potessi avere con la gente. La cosa bella è stata scoprire che ci sono tante persone che vogliono emozionarsi insieme a me! Mi ha fatto crescere tantissimo, sia la parte delle audizioni in cui mai dimenticherò le bellissime parole con le quali mi hanno promosso i quattro giudici; sia la parte dei bootcamp, dove era veramente difficile convincere Emma; fino alla fase del grande no. I “no” molte volte servono più dei “sì” per crescere ed andare avanti».

 

 

Roccuzzo è…

«Logorroico e, più che sensibile, ritengo di essere uno che si emoziona tanto, sono senza filtri. Se sono felice lo mostro; se un film mi commuove, piango. Sono anche una persona semplice. Sono molto ponderato nelle scelte, e non sempre è una cosa positiva. Sono ansioso, e questo aspetto dovrei cambiarlo».

Il legame con la tua terra e la tua famiglia.

«Il legame con la propria terra è qualcosa di magico. Io la mia terra ce l‘ho sempre nel cuore, guardo il cielo e penso a quello della mia Sicilia, anche se vivo lontano. Mi porterò sempre l’amore della mia famiglia, parenti, amici e conoscenti che vivono nella mia terra: loro sono la testimonianza del calore e dell’amore che trasmette la Sicilia».

Parlaci del tuo singolo “Ricominciamo da qui”.

«L’ho scritto l’anno scorso, per mia sorella. Parla d’amore, dell’importanza di ricominciare, di ricostruire. È un messaggio che si può estendere anche a questo periodo difficile».

In genere, la tua giornata tipo…

«Sono un “nottambulo”. Di solito di notte riesco a concretizzare le idee che ho in testa. Ascolto tanta musica e vado a dormire tardi e al mattino mi sveglio tardi, intorno alle 11, faccio uscire la mia cagnolina, torniamo a casa, mangio e guardo tv, canto in stanza dove ho tastiera e microfono e verso le 17 prendo il bus per andare al lavoro e torno la sera tardi, intorno all’una di notte. La mia giornata è molto veloce».

Roccuzzo ci anticipa, inoltre, che a breve ci sorprenderà con nuovi progetti e brani che affrontano tematiche importanti. “In questo periodo sto scrivendo tantissimo col mio team”, dichiara.

Ecco, Roccuzzo, dopo il “no”, ricomincia da qui!

Tags: