di Alessia Giaquinta   Foto di Salvatore Fatuzzo e Giuseppe Costanzo

Giunto ormai alla 32esima edizione, dal 1984 senza interruzioni, il Presepe Vivente di Monterosso Almo, uno dei “Borghi più belli d’Italia”, in provincia di Ragusa, è tra le più antiche e suggestive rappresentazioni viventi della Natività in Sicilia.

C’è chi lo chiama “Presepe nel presepe” perché prende vita nel centro storico del paese, il quartiere Matrice, tra profumi e colori passati, tra case ormai chiuse e che per l’occasione vengono riaperte, tra vicoli stretti e muretti di pietra.
Il presepe è ambientato negli anni ’50 tra le realtà artigianali e rurali dell’epoca. È possibile, così, trovare le antiche maestrie del curdaru (cordaio), firraru (fabbro), cirnituri (cernitore), scarparu (calzolaio), a lavannara (lavandaia) e molte altre figure professionali ormai consegnate all’oblio.

La peculiarità di ogni scena del presepe è che i partecipanti non sono attori ma persone che realmente conoscono e praticano gli antichi mestieri, testimoni di un passato che sta per scomparire e che deve necessariamente essere trasmesso.

Si punta sul coinvolgimento dei visitatori: ogni scena infatti non è muta ma “viva”, e così ci si ritrova a parlare co ‘ vasaru (vasaio) piuttosto che co ‘ sapunaru (colui che fa il sapone) o assaggiare un po’ di pane fatto in casa o la ricotta calda. È possibile, altresì, assistere alla serenata che il fidanzato dedica alla ragazza affacciata ad un balcone o ridere e ballare nell’osteria tra un bicchiere di vino e una simpatica battuta scambiata con gli allegri personaggi di quell’ambiente.

Al termine del percorso vi è il fulcro del presepe: la grotta della Natività. E, anche in questo caso, ci si trova innanzi un’ambientazione spettacolare: è una grotta naturale ad accogliere i figuranti di Maria, Giuseppe e del Bambin Gesù oltre al bue, un asinello e i magi con il loro sèguito. Qui, invece, regna il silenzio: a prevalere è l’atmosfera mistica, religiosa, contemplativa.

Ed è proprio il contrasto rumori-silenzio, buio (delle strade percorse)-luce (all’interno della grotta) a richiamare lo spirito del Natale: un evento che cambia la storia di ogni uomo, portato dalle tenebre alla luce, dal chiasso alla preghiera.

Dal 1995 l’Associazione “Amici del Presepe”, in collaborazione con l’amministrazione comunale e alcuni sponsor, porta avanti, con dedizione, questo magnifico evento, che nel 1991-92 e nel 1992-93 ha ottenuto il Primo Premio Nazionale come “Miglior Presepe d’Italia” . Negli anni a seguire ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti in campo regionale.

Quello di Monterosso è stato il “Miglior Presepe di Sicilia” dello scorso anno.

26 Dicembre 2016
1-6-7-8 Gennaio 2017
per info e prenotazioni 0932/977656   339/8739007
www.presepemonterosso.it
www.comune.monterossoalmo.gov.it

 

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *