Il segreto di un matrimonio da favola

     

Articolo di Alessia Giaquinta   Foto di Foto Umberto

“C’era una volta…” É così che iniziano le favole.
Ci sono favole, però, che i libri non raccontano perché per leggerle basta incontrare lo sguardo di chi trova l’anima gemella, di chi, al di là dei castelli e delle magie, vive la bellezza dell’amare e dell’essere amati, ogni giorno. Il matrimonio diventa, così, un passo importante, una scelta fondamentale, da preparare con cura e nel dettaglio.
Non è semplice scegliere l’abito giusto, la location adatta, il cibo migliore, la bomboniera più bella.


Per non parlare degli intrattenimenti: cosa preferire?
Sofia e Davide sono due giovani che, il 18 giugno, davanti a Dio – nella splendida cornice del Santuario della Madonna del Piano, a Grammichele – alla presenza di parenti e amici, e della piccola Bianca, hanno coronato il loro sogno d’amore, scrivendo il “per sempre” alla loro favola.

Loro hanno scelto di fare del loro giorno più bello, un giorno di festa.
Dall’arrivo della sposa con l’elegante Maserati Ghibli di Alex Guccione, alle promesse innanzi all’altare, ai volti gioiosi dei partecipanti alla cerimonia, agli abbracci – e anche ai simpatici capricci – della piccola Bianca.

Il vero calore, al di là della giornata afosa, è stato sprigionato dall’incontenibile gioia di Sofia e Davide, dei loro familiari e di chi, presente in quel momento, ha condiviso con loro l’emozione del fatidico “sì”.
A fare da sfondo per i festeggiamenti una location immersa nel verde, con piscina, alberi secolari e raffinati decori.
Per festeggiare, però, è necessario condividere. Dal cibo, fatto di connubi fra sapori tradizionali e gusti ricercati, al banchetto condiviso tra sposi e invitati, alla musica allegra e coinvolgente. Il tempo, mai monotono e lento, scorreva tra una delizia per il palato, un ballo sulle note dello street jazz e continui brindisi agli sposi.


“Non alla tua e neanche alla mia, ma a Davide e Sofia” ripetevano gli amici brindando alla nuova famiglia.
Una festa, organizzata con cura e amore. Ecco cosa è stato il matrimonio di Sofia e Davide. Un giorno da ricordare, non solo per gli sposi…
Un evento esemplificativo per chi, come loro, vuole organizzare un matrimonio originale, raffinato e soprattutto gioioso.
Pianificare in tempo ogni cosa e affidarsi a professionisti di ogni settore (dalla ristorazione alla musica, all’animazione per bambini, agli addobbi) è stato sicuramente uno dei tasselli fondamentali per l’ottima riuscita dell’evento. Nelle favole, quelle scritte sui libri, il “felici e contenti” si riferisce solo agli innamorati.
Nelle vere favole, quelle reali, la gioia viene condivisa: Sofia e Davide hanno, infatti, scelto una bomboniera fatta di sorrisi per i bambini meno fortunati, devolvendo a “Save The Children” la somma destinata al classico ricordino del matrimonio.

Il vero ricordo della festa è sicuramente quel clima di gioia condivisa che ha reso tutti protagonisti insieme agli sposi. Per amare, infatti, non si può essere soli. L’amore nasce in un contesto fatto di persone, si nutre delle allegre esperienze con gli amici, del sostegno dei familiari, della quotidiana presenza dei colleghi di lavoro…
Una festa, una vera festa dell’amore è stata, al di là dei fronzoli, degli eccessi e degli sfarzi. A regnare è stata l’eleganza semplice e raffinata ma soprattutto lo sguardo innamorato di Sofia e Davide riflesso nella piccola Bianca, frutto meraviglioso della loro unione.
Nessun matrimonio sarà perfetto se manca l’amore. Questo è il segreto che sta alla base di ogni preparativo per il giorno più bello di una coppia.
Non un “c’era una volta…” bensì un “ancora c’è…” chi crede nell’amore, chi condivide la propria gioia, chi, come Sofia e Davide, vive quotidianamente il “per sempre”.
Dal loro “sì” nasce una nuova ispirazione per Bianca Magazine: una rubrica sui matrimoni che possa essere da supporto e stimolo per chi è pronto a compiere il grande passo.
Sofia e Davide sono felici e contenti. E anche noi, colleghi, amici e parenti, che dalla nascita della piccola Bianca, abbiamo trovato l’incoraggiamento necessario per dar luce a questo meraviglioso progetto editoriale. Anche per questo abbiamo deciso di omaggiare i nostri sposi dedicando quest’articolo al loro giorno più bello brindando ancora una volta alla loro felicità.
“Non alla tua e neanche alla mia, ma a Davide e Sofia”

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments