Articolo di Valentina Frasca, Foto di Foto Astuto e Samuel Tasca

Grammichele si fa bella, indossa il suo vestito migliore, mette da parte ogni divisione e colore politico e si mette in vetrina sulle reti Rai. La troupe di Mezzogiorno in famiglia è arrivata in città e Lei ha saputo trarre il meglio da questa esperienza nata un po’ per caso, mostrando a tutta l’Italia le sue magnificenze e i suoi angoli più suggestivi, scorci di luoghi e di vita ai quali noi siciliani siamo un po’ abituati, ma che sono a dir poco ammalianti per chi vive la nostra Isola da turista. Eccellenze più uniche che rare, come la piazza dalle proporzioni imponenti o la singolare pianta architettonica.

“Se imparassimo a valorizzare a dovere le nostre naturali bellezze – dichiara il sindaco di Grammichele, Giuseppe Purpora – potremmo tranquillamente vivere di turismo. Ci è stata offerta l’occasione di portare la nostra città nelle case di tutti gli italiani e ne abbiamo saputo approfittare. Dietro c’è stato un grande lavoro portato avanti dal mio staff, e in particolare da Milena Medico e Angela di Geronimo che si sono interfacciate con la sede di Roma e hanno accontentato in tutto e per tutto una produzione, giustamente, molto attenta ed esigente. Per fortuna, il nostro territorio sa offrire una miriade di alternative tutte valide e abbiamo potuto valutare molte idee, tanto che ci siamo trovati in crisi al momento di selezionare cosa far vedere, ma è venuta fuori una trasmissione molto ben fatta, dove i protagonisti sono stati proprio i grammichelesi, le nostre associazioni, i nostri ragazzi, le nostre tradizioni artigianali, artistiche e monumentali”.

Grammichele si è ritrovata unita ed entusiasta come davanti ad una importante partita della nazionale italiana di calcio, tutta protesa verso questo evento particolare e inusuale. La città tutta ha tifato per se stessa, e per un po’ ha messo da parte i problemi del quotidiano. Peccato solo per il risultato finale, che per un soffio non ha premiato la città con il pulmino messo in palio, ma in fondo l’importante non era vincere quella sfida, bensì quella della visibilità. Una sfida che, stando ai primi numeri, sarebbe stata vinta. “I dati finora in nostro possesso – continua il primo cittadino – ci dicono che dopo la messa in onda c’è stato un picco di interesse sul web nei confronti del nostro comune da parte di potenziali visitatori, quindi obiettivo raggiunto!”.

Purpora ci tiene anche a sottolineare come tale risultato sia stato raggiungo a costo zero per le casse comunali. Merito di tanta voglia di far bene e di un pizzico di ingegno. “Ci siamo autotassati per finanziare i ragazzi partiti da qui per Roma, gli altri li abbiamo scelti direttamente tra i nostri giovani concittadini che studiano e lavorano fuori. In questo modo abbiamo risparmiato e, contemporaneamente, abbiamo dato loro un’occasione per unirsi e stare insieme. Sono stati fantastici e li ho già ringraziati per il modo in cui si sono messi in gioco, ma appena torneranno dedicheremo loro un momento per ripercorrere i momenti salienti di questa bella avventura”.

Un’avventura che la città ricorderà per sempre anche grazie ad una targa regalata dallo staff di “Mezzogiorno in famiglia”, dono che il sindaco ha ricambiato con due opere del prof. Salvatore Aquino, due mattonelle con il rilievo della piantina di Grammichele e una copia della lavagna di Ardesia, naturalmente accompagnate dalla firma del primo cittadino e da alcuni dolci tipici.

“La squadra della Rai è rimasta colpita dalla bellezza dei nostri luoghi e dalla vastità della nostra piazza. Ci auguriamo che, d’ora in avanti, la nostra cultura e il nostro patrimonio possano essere il tramite per il rilancio della città in ambito nazionale” ha concluso il Sindaco, preannunciando una serie di progetti finalizzati al recupero delle tradizioni locali attraverso l’artigianato, la cucina e il patrimonio archeologico.

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *