Il presepe dei giovani della parrocchia San Giorgio di Ragusa

di Alessia Giaquinta


 

Nasce Gesù, nasce la Speranza”. È questo il messaggio che la comunità giovanile dell’Azione Cattolica di San Giorgio Martire di Ragusa Ibla ha voluto lanciare attraverso il “Presepe Giovanile”.

Inaugurato martedì 7 dicembre, presso l’ex chiesa di Sant’Antonino, alla presenza del vescovo di Ragusa monsignor Giuseppe La Placa e del primo cittadino Peppe Cassì, il “Presepe Giovanile” ha l’obiettivo di proporre ai visitatori non solo il presepe in quanto opera d’arte bensì il mistero della nascita di Gesù nell’ottica del messaggio di speranza che porta agli uomini di tutti i tempi.

Presepe dei giovani, Ragusa Ibla

 

Fare rinascere la speranza attraverso il messaggio cristiano della continua rinascita” commenta il giovane Stefano Avola che, insieme al gruppo giovanile dell’Azione Cattolica, ha preso parte alla costruzione del grande presepe, posto nell’altare centrale della chiesa, curato nei minimi dettagli. “Da settembre abbiamo iniziato a riunirci, dopo due anni di inattività. Siamo tutti studenti universitari, una piccola realtà che però è fiorente. Ognuno, con quel che sa fare, ha dato molto – chiosa Avola – Un particolare ringraziamento al nostro parroco Pietro Floridia e al presidente dell’Azione Cattolica Parrocchiale, Giovanni Guastella”.

La costruzione del presepe è stato motivo di aggregazione, di legami, di “agape fraterna”.

All’interno dell’ex chiesa di Sant’Antonino si trovano, altresì, opere presepiali a cura di Carmelo Scalone e di Giovanni Guastella che ripropongono la Natività in miniatura o ambientata in paesaggi locali.


 

 

Un’esperienza di arte, di fede e di vivacità giovanile. Non stupitevi allora se, all’ingresso, trovate un gruppo di ragazzi e ragazze ad accogliervi, pronti a fornirvi informazioni, a spiegarvi il loro impegno e la loro dedizione per la realizzazione di questo progetto “di speranza”.

La mostra sarà visitabile fino al 7 gennaio 2022. 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments