di Omar Gelsomino  Foto di Ufficio Turistico Mineo

Un piccolo centro del Calatino rinomato per i suoi presepi è Mineo. Nella città che ha dato i natali a personaggi illustri come Luigi Capuana, Corrado Luigi Guzzanti, don Luigi Ricceri e Giuseppe Bonaviri, solo per citarne alcuni, ogni anno si rinnova l’ormai appuntamento consolidato con “Natale nei vicoli”, una manifestazione appunto dedicata al Natale.

Giunta alla sua ventesima edizione la riproposizione evangelica viene adattata in un ambiente ottocentesco con diversi soggetti: dal falegname al fabbro che ferra i cavalli, dal contadino al cardatore della lana.

Così in questa cittadina di circa cinquemila abitanti, abbarbicato sulle cime di due colline alle pendici nord occidentali degli Iblei, è stato creato un percorso apposito che si inerpica lungo le viuzze del centro storico, i cui monumenti medievali e i contesti architettonici rendono ancora più suggestive le rappresentazioni.

Dei presepi artistici, realizzati da maestri presepisti, sono dislocati lungo il dedalo delle stradine all’interno di quelli che erano dei locali tipici del mondo contadino di fine XIX o inizio XX secolo. E poi Mineo si trasforma nel paese della memoria, dove le vie si animano di personaggi tipici riproposti nei costumi, nei mestieri e del dialetto di un tempo ormai lontano. E propria la struttura urbanistica medievale favorisce un’emozionante scenografia del presepe, poichè sono realizzati al’interno di ambienti domestici, cantine, stalle, frantoi e botteghe. Ai visitatori è assicurata un’offerta culturale data dalla millenaria storia della nostra Mineo. Musei, mostre ed esposizioni cercheranno di raccontarne la storia e le radici: dalle monumentali Chiese ai maestosi palazzi storici… tra i quali spiccala ottocentesca residenza del Capuana, ora Museo letterario, dove oltre alla valenza culturale si potranno ammirare i manoscritti, le fotografie, i carteggi e documenti vari.

Diverse attrazioni culturali arricchiranno il percorso dedicato al visitatore, dalla mostra fotografica di Giuseppe Leone, alle esposizioni e ai mercatini di Natale per non tralasciare scorci di vita passata e raccontata…

Nel corso delle giornate ufficiali (25, 26 dicembre 2016, 1 e 6 gennaio 2017), la manifestazione consentirà al visitatore di ammirare le scenografie viventi oltre ad immergersi tra i caratteristici vicoli, dove odori e sapori delle specialità di un tempo, lo riporteranno alla riscoperta della cucina contadina con degustazioni di prodotti tipici.

Un ritorno al passato e una sensazione coinvolgente dell’atmosfera del Santo Natale.

Dal 12 al 21 Dicembre 2016:
Presepi artistici
visite su prenotazione per Scuole e Gruppi Organizzati
feriali: ore 9.00 – 13.30 e 14.30 – 17.00
prefestivi e festivi: ore 09.00 – 20.00 (orario continuato)

Casa-Museo Capuana
visite su prenotazione e a numero chiuso
feriali: ore 9.00 – 13.30
prefestivi e festivi: ore 10.00 – 13.00 e 16.00 – 20.00

Presepi artistici, Scenografie sacre, Casa-Museo Capuana, Mostre ed esposizioni.
25 Dicembre 2016 e 1 Gennaio 2017: ore 16,00 – 22,00
26 Dicembre 2016 e 6 Gennaio 2017: ore 09.30 -22.00

Scenografie : ore 18.00 – 22.00

Informazioni:
Servizio: Sport, turismo, spettacolo e attività Culturali: 0933-98.90.58 – 98.90.46
Fax: 0933-98.30.79 – 0933-98.10.24
e-mail: ufficio.turismo@comune.mineo.ct.it

 

 

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *