Scrivi per iniziare la ricerca

Bianca Magazine N.7 Bianca Place

Farm Cultural Park

Pubblica
Farm Cultural Park

Farm Cultural Park

Articolo di Irene Novello Foto di Fabio Di Benedetto

Ci troviamo a Favara, un comune di poco più di trentamila abitanti della provincia di Agrigento.

Il notaio Andrea Bartoli e la moglie, l’avvocato Florinda Saieva, hanno avuto una brillante intuizione: invece di fuggire all’estero per dare voce e soddisfazione alle loro ambizioni, decidono di diventare i protagonisti di un progetto che ha messo in atto una vera e propria rivoluzione culturale ed urbana. Nel 2010 danno vita alla Farm Cultural Park, un centro culturale dove l’arte e la cultura sono degli strumenti utilizzati per riscrivere l’identità e il futuro di Favara.

Andrea e Florinda hanno fatto centro! Infatti nella memoria di molti la comunità favarese non è più ricordata per la mafia o per l’abusivismo edilizio, ma per la cultura, l’arte e la rigenerazione urbana che con il loro progetto hanno invaso il centro cittadino. Il Farm Cultural Park si sviluppa nel centro storico di Favara nel cortile Bentivegna, costituito a sua volta da sette piccoli cortili che erano un tempo caratterizzati da case e piccoli palazzi, molti dei quali disabitati e trascurati. I sette cortili hanno ripreso vita e colore grazie a questo progetto che si propone come il primo “parco turistico culturale” presente in Sicilia e mira a diventare la seconda attrazione turistico-culturale del territorio agrigentino, dopo il Parco Archeologico della Valle dei Templi.

Il Parco è costituito da una serie di spazi espositivi dove il visitatore si ritrova di fronte ad una nuova concezione di rigenerazione urbana scandita dall’arte contemporanea raccontata e comunicata in tutte le sue forme espressive.

All’interno del percorso di visita si trova il Farm XL una struttura di cinquecento metri quadrati che si sviluppa su tre livelli; è uno spazio espositivo, con un piccolo bookshop, una cucina ideale per organizzare eventi privati ed un giardino con vista sulla città. Sou, la scuola di architettura per i bambini, dove si svolgono attività educative sull’ambiente, l’urbanistica e l’architettura. Raft è un altro spazio culturale, curato dagli architetti Claudia Cosentino, Dario Felice e Antonio Rizzo dello studio Analogique, dove vengono raccontati i progetti di Farm. Riad è stato concepito come un’oasi all’interno dei sette cortili, un piccolo giardino con piscina dove è possibile rilassarsi; con questo spazio si è voluto rendere omaggio all’architettura del Marocco e in particolare alla piazza Jamaa el Fna di Marrakech. Nzemmula oltre ad essere uno spazio espositivo, è anche una cucina, un salotto sociale, dove è possibile condividere, chiacchierare e socializzare. All’interno di Farm si trova anche un mercato dove è possibile degustare le tradizioni culinarie siciliane e quelle prettamente locali che si intrecciano alla contemporaneità e all’innovazione. Scenario Farm, è il nuovo progetto del parco, dove è protagonista la danza concepita come un mezzo con il quale vengono espressi tutti i linguaggi del corpo.

Arte contemporanea, public design e architettura sono i tre protagonisti del Farm che si sviluppa su millesettecentocinquanta metri quadrati di cultura e che ad oggi ha accolto ben cento creativi, novantamila visitatori da tutto il mondo solo nel 2016, l’organizzazione ed il successo di ben centosessantadue eventi culturali e che ha registrato due partecipazioni alla Biennale di Venezia. Nel 2011 il parco ha vinto il premio Cultura di Gestione per il concorso indetto da Federculture ed è stato collocato da Purple Travel, il blog britannico, al sesto posto nella classifica mondiale delle mete turistiche destinate all’arte contemporanea.

Tags:
Articolo precedente
Articolo successivo