Articolo di Omar Gelsomino  Foto di Sergio Furnari

Il suo non è il classico racconto di un siciliano che approdato in America si realizza. Sergio Furnari è andato oltre, ha realizzato il suo sogno americano e i sogni li regala alla gente. Forte della sua arte un giorno ha deciso di lasciare la Sicilia, la sua città natale, Caltagirone, e arrivare a New York.
«Da piccolo realizzavo figurine in terracotta, trascorrevo le mie ore nella veranda di casa mia. Entravo in un mondo tutto mio e dimenticavo tutto. Dopo essermi iscritto al Geometra decisi di andare all’Istituto d’arte per la ceramica, da ragazzino lavoravo nelle botteghe ceramiche così quando presi il diploma aprii la mia attività».
Nel maggio 1992 Sergio Furnari, per la prima volta, arrivò a New York. «Ricordo che uscii la stessa sera del mio arrivo, quella città mi apparve come un posto magico e rimasi cinque giorni. Ben presto il mal d’America si fece sentire così decisi di ritornarvi per altri cinque mesi fino a quando non mi trasferii definitivamente». Come per tutti gli immigrati gli inizi non furono affatto facili, Sergio Furnari da una piccola città siciliana si trovò in una delle metropoli più grandi del mondo.
«Inizialmente andavo porta a porta, nei ristoranti e in altre attività italiane a proporre ciò che sapevo fare: una parete decorata, un pavimento, una panca, una fontana, i piatti. Realizzai anche la prima piscina a Palm Beach, in Florida. I soldi però non bastavano mai. Poi arrivò il momento di eseguire dei lavori per Celine Dion». Un giorno, passeggiando per la Fifth Avenue, rimase colpito da una foto esposta in una vetrina, raffigurava undici lavoratori edili durante la loro pausa pranzo su una trave d’acciaio nel costruendo Rockefeller Center. «Quei volti mi parlarono, erano dei lavoratori immigrati come me, sentivo che dovevo catturare quelle espressioni nell’argilla. Era gente che ha lavorato sodo, ha fatto sacrifici. Tra me e me dissi che dovevo riprodurla. La mia unica forza erano le mani e il cervello, ci sono voluti anni per scoprire che possedevo una vena d’oro. Così iniziai a realizzare le mie sculture in ceramica, resina, metallo, che ben presto furono apprezzate. Quell’opera mi ha reso famoso, rimarrà nella storia americana ed europea, visti che quegli immigrati arrivavano anche dal Vecchio Continente. Nell’ottobre del 2001 quando completai la mia scultura a grandezza naturale, “Lunchtime on a Skyscraper – A tribute to America’s heroes”, la portai nel luogo in cui erano crollate le Torri Gemelle, a Ground Zero, ancora gli operai lavoravano alle rovine fumanti: un mio piccolo tributo perchè potesse sollevare il morale di quegli operai e degli americani, ridare loro speranza, nonostante tutto non avevano buttato giù l’anima dell’America. Quella scultura fece il giro del continente americano».
E se l’America è sempre stata la terra in cui tutti possono realizzare il proprio sogno, l’american dream, Sergio Furnari da alcuni anni a questa parte li realizza per i suoi clienti. «Nel 2005 ripresi a fare di nuovo le piscine, iniziai a venderle a clienti facoltosi, a Beverly Hills e in ogni angolo del pianeta: in America, Sud America, Europa e negli Emirati Arabi. L’anno dopo realizzai la piscina dipinta a mano più grande del mondo». Nonostante le sue sculture e i suoi lavori siano apprezzati da Celine Dion, Robert De Niro, Al Pacino, business people e altre importanti personalità Sergio Furnari ha conservato la sua umiltà. «Sono rimasto quello che ero, anche se venendo in America sono diventato un po’ architetto, scultore, direttore, ecc., ho reinventato nuove tecniche mescolando tradizioni centenarie con quelle americane. Tutto ciò che ho fatto ho provato a farlo nel migliore dei modi, per lasciare un segno. In America senti addosso quella pressione che ti porta a creare sempre cose nuove, per fortuna sempre apprezzate. Il mio è un successo relativo, la sete di successo rimane sempre. Il mio prossimo obiettivo, e sono sicuro che lo raggiungerò, è la musica, sto lavorando ad una canzone. Sono sempre disponibile a tornare nella mia terra se vi sono le condizioni favorevoli».

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *