di Emanuele Cocchiaro

“La felicità è nelle cose ridicole”. Così diceva Andrea Camilleri, scomparso proprio mentre mi accingo a darvi il benvenuto tra le pagine estive del nostro magazine. Colgo, dunque, l’occasione per soffermarmi su uno dei tanti insegnamenti che il Maestro ci lascia in eredità. È difatti indiscutibilmente vero che la felicità non è altro che nelle cose ridicole.
«La felicità – ha scritto Camilleri – per me non ha motivazioni, non ne ha mai avute, per me è fatta di cose ridicole. La felicità per me era aprire la finestra al mattino, sentire l’aria fresca, guardare fuori. Alzarsi presto, aspettare che tutta la casa prendesse vita, sapere che dopo un po’ si sarebbero alzate le persone a me più care e che presto ci sarebbero state le loro voci intorno a me». L’invito è, dunque, quello di prendere sul serio proprio le cose più ridicole, quelle che appaiono scontate e sicure. E di sicuro l’estate è la stagione migliore per riflettere e prendere coscienza di quelle poche cose che, in fin dei conti, ci rendono davvero felici.
E proprio la Sua e la nostra amata Sicilia rivive in tutto il suo splendore in questa bellissima foto di @salvoema89 che ha ricevuto più like sul nostro social contest #biancasicily.
Complimenti da tutta la redazione!

 

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *