E alla fine…ce l’avremo fatta!

di Samuel Tasca

Pandemia. Un termine così particolare che molti di noi, compreso il sottoscritto, sconoscevamo e di cui oggi tutto il mondo ha dovuto impararne il significato. Come riportato dal dizionario Treccani, la pandemia è “un’epidemia con tendenza a diffondersi ovunque, cioè a invadere rapidamente vastissimi territori e continenti”. Ma davvero tutto quello che stiamo vivendo può racchiudersi in questa descrizione?


Questo virus, questo “nemico silenzioso arrivato da lontano”, sicuramente ci sta insegnando il significato di molti termini, ma soprattutto sta mettendo ognuno di noi nella condizione di dover tornare all’essenziale, di riposizionare la bussola su ciò che conta davvero aprendo i nostri occhi su tante cose che forse prima non riuscivamo a vedere.
Abbiamo imparato che in fondo siamo tutti uguali, tutti vulnerabili: ricchi, poveri, famosi o sconosciuti. Abbiamo imparato che in un attimo possiamo diventare tutti immigrati, anche nella nostra stessa terra. Abbiamo imparato che la solidarietà può arrivare dalle persone più insospettabili. Abbiamo imparato che forse non abbiamo bisogno di così tante parole, di così tanti dibattiti, di così tanta polemica, a volte abbiamo bisogno solo di un po’ di silenzio per riuscire a percepire davvero la bellezza di ciò che ci circonda. Abbiamo imparato che i programmi, il tempo, i viaggi possono diventare di colpo relativi, che bisogna vivere al meglio quella singola giornata senza necessariamente rimandare a domani. Abbiamo imparato che possiamo essere italiani anche senza vincere un mondiale, che possiamo cantare l’inno nazionale, anche se non siamo allo stadio, anche se la vera sfida sarà ricordarselo anche quando tutto sarà passato.

Proprio così, perché in un modo o nell’altro, magari impiegando più tempo di quello che avremmo voluto, tutto passerà. E allora sì che sarà una festa! Allora sì che anche i timidi si lasceranno andare a un abbraccio, perché adesso abbiamo scoperto che potremmo possedere tutto l’oro del mondo, ma restiamo poveri se non possiamo avere un abbraccio.
E poi toccherà a noi, a noi italiani e a noi cittadini del mondo fare del nostro meglio per far ripartire tutto, facendo tesoro di ciò che abbiamo imparato. Perché alcune cose, una volta sperimentate, non si possono più dimenticare; perché tutti siamo cresciuti, siamo maturati e abbiamo imparato qualcosa. Adesso i ragazzi conoscono il valore di un banco di scuola, il valore di un insegnante, che nonostante tutto non li ha mai abbandonati. Adesso sappiamo che la salute è il bene più prezioso e, quindi, non possiamo più permetterci di farci trovare impreparati. Sappiamo che anche i lavori più impensabili possono essere aiutati dalla tecnologia, che questa può essere utile a favorire il progresso e non necessariamente ad abbattere le tradizioni. Adesso sappiamo che le cose che contano davvero sono quelle che abbiamo ogni giorno a disposizione, ma che spesso ignoriamo, dimentichiamo o semplicemente rimandiamo con l’illusione che tanto avremo tempo. Ora sappiamo che questo mondo può ancora avere cieli, fiumi e strade pulite che vanno tutelati con l’impegno da parte di tutti. E sopra ogni cosa, tutti sapremo di avercela fatta, con sacrificio e con impegno, ma ce l’avremo fatta e nessuno potrà mai toglierci questa consapevolezza. E quando riappariranno i problemi, le paure e gli ostacoli che prima ci bloccavano o ci sembravano insormontabili, ricordiamoci sempre che ce l’abbiamo fatta, che abbiamo vinto una pandemia e sicuramente potremo vincere tutto il resto!

 

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments