Articolo di Marilisa Tornabene,  Foto di Rosario Calcagno

«Tutto ciò che la natura ha di grande, tutto ciò che ha di piacevole, tutto ciò che ha di terribile, si può paragonare all’Etna, e l’Etna non si può paragonare a nulla»

Dominique Vivand Denon, “Voyage en Sicilie”, 1788

 

Nei secoli scrittori, viaggiatori, sportivi hanno sempre trovato la strada per venire a godere della naturale attrattiva che l’Etna offre. Oggi per questo immenso patrimonio paesaggistico occorre tracciare una nuova via fatta di sinergie, per condividere conoscenze e mettere in rete competenze e risorse, pubblico e privato come indicato, in “Destinazione Etna”, dai Giovani Imprenditori Confcommercio Catania. L’Organizzazione ha deciso, infatti, di favorire il dialogo, superare l’indifferenza e stimolare interesse per permettere a un’intera area pedemontana di fare sistema per rilanciare l’Etna come brand e polo turistico, per superare un turismo “mordi e fuggi” che ruba cartoline al territorio, ma poco lascia nel cuore e nelle tasche dei suoi abitanti.

«Qualcosa non ha funzionato e non funziona ancora – denunciano gli operatori del settore – se le macchie di ginestra e astragalo si confondono tra le strade che portano ad alta quota, se i sentieri non sono ancora tutti ben segnalati, se le guide arrancano a portare i turisti dalla città fin lassù, se esistono tanti portali informativi, ma nessuno veramente esaustivo, se viene posto un muro tra gli abitanti e gli apparati di controllo del Vulcano, se gli interessi dei privati sovrastano quelli della collettività».

Solo una “Destinazione Etna” comune e partecipata può creare sviluppo. Questo è l’obiettivo della giornata-evento, giunta alla II edizione, promossa a Linguaglossa dai Giovani Imprenditori Confcommercio Catania che hanno fortemente voluto un confronto pubblico tra cariche istituzionali, operatori di settore e imprenditori, alla presenza di una commissione tecnica, allo scopo di individuare una via comune percorribile e redigere un documento d’indirizzo strategico da presentare al Presidente della Regione Siciliana. Un primo risultato positivo durante la giornata si è concretizzato: la firma di un protocollo d’intesa tra i sindaci del versante Nord per la creazione di un nuovo sistema di collegamento e mobilità integrato nel comprensorio Etna Nord-Alcantara, estendendolo alle Amministrazioni di Fiumefreddo di Sicilia, Piedimonte Etneo, Maletto, Bronte e Randazzo. «Riattivare l’indotto e stimolare competitività economica, sociale e ambientale per dare seguito alla naturale vocazione turistica del nostro territorio – ha commentato Pietro Ambra, presidente Giovani Confcommercio Catania – attraverso lo strumento del project financing per favorire gli investimenti in infrastrutture e rendere fruibile il Vulcano».

L’Etna, femmina nell’animo e nel nome, “Idda”, “Lei”, “A Muntagna”, meraviglia decantata da poeti e filosofi, sempre pronta a generare nuova vita e cultura, rappresenta simbolicamente e fisicamente la forza spirituale, economica e sociale del popolo etneo che l’ha riconosciuta come “mamma”. E mamma Etna veglia diramando calore e offrendo rifugio ai suoi figli distratti da un orizzonte che viaggia per mondi e fortune lontane ma riconducibili sempre a “Idda”, Patrimonio dell’Umanità per l’Unesco, croce e delizia di un territorio e di un popolo che in “Lei” ha costruito la sua identità, che ha imparato a fare del fuoco e della roccia nera non un demone, ma un amico da domare e materia da plasmare. «Se l’Etna è l’immagine simbolo della Sicilia nel mondo, tutti abbiamo il dovere di contribuire a un progetto di rilancio socio-economico del territorio offrendo un quadro, unico al mondo, che aspetta solamente di essere ammirato e una destinazione dove tutti possano arrivare», conclude Pietro Ambra.

Un primo passo verso una crescita condivisa del territorio e delle sue peculiarità è stato avviato.

LO SAPEVI CHE…

Negli anni ’70 l’Etna fu cornice del boom degli sport invernali e fece innamorare sportivi e curiosi provenienti da tutte le parti del mondo? Questo inverno ritorna la magia con i Campionati Europei di sci-alpinismo in programma dal 22 al 25 febbraio.

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *