Momenti irripetibili del Caltagirone Calcio nei ricordi di Maurizio Rabbito

Dopo il libro “Il mio Caltagirone” di Giacomo Randazzo, “Amarcord Biancorosso – Storia di una passione, il calcio a Caltagirone dal dopoguerra alla fine del ‘900“, di Mario Amore e Giovanni Salonia, arriva una nuova antologia dedicata ai tifosi e curiosi dalla fede biancorossa.


Ricordi del Caltagirone Calcio 1970 – 2020” è il libro fotografico di Maurizio Rabbito. Quest’ultimo testo, a cui hanno collaborato gli ex calciatori Giuseppe Rosciglione, Vincenzo Marino, Giovanni Salonia e Mimmo Guarino, seppur potrebbe sembrare una semplice raccolta di fotografie, articoli di giornali e curiosità, riesce amabilmente a ripercorrere cinquant’anni di storia, tra altri e bassi, tra risultati brillanti e sonore sconfitte, della gloriosa squadra del Caltagirone.

 

«L’idea del libro è nata durante il lockdown quando ho raccolto in una cartella tutte le foto ricordo del Caltagirone Calcio attraverso ex calciatori, allenatori e tifosi, per cui dopo è stato spontaneo mettere su carta i ricordi, le impressioni e le emozioni di un periodo indimenticabile e momenti irripetibili della storia del Caltagirone Calcio. Una raccolta di immagini e date memorabili per rivivere e condividere con i tifosi e gli appassionati cosa abbia rappresentato e rappresenti la fede biancorossa – spiega l’autore del libro Maurizio Rabbito -. Ricordo come nella mia infanzia con i miei fratelli tutte le domeniche andavamo a vedere le partite di calcio, anche in trasferta. La passione per il Caltagirone calcio è sbocciata negli anni ’70, quando iniziai a giocare nella squadra degli allievi allenata da Umberto Bizzini e Mimmo Mazzio. Ricordo Riccardo Franceschini, Francesco Bauccio, Massimo Parisi, Guido Gasparotti, Vincenzo Marino. Per non parlare di grandi allenatori Zelindo Bisi, Memmo Prenna, Chico Cacciavillani, Evaristo Malvasi, Antonio Logozzo, Mario Possama e Carlo Cesarato. Oltre ad essere grandi campioni eravamo buoni amici, come Enzo Rondinelli e Enzo Bulgarelli miei clienti al Super Market. Così è nato l’amore per i colori bianco-rossi. Erano gli anni in cui il Caltagirone Calcio era conosciuto in tutta Italia, tanti giocatori di Modena, Bologna, Rovigo Carpi, ecc. hanno indossato la maglia biancorossa. Proprio perché mi sento più legato alla squadra di calcio del 1970, ho voluto inserirla nella copertina del libro».


Momenti vissuti anche da semplici tifosi, ma che rimangono nella mente per sempre a testimonianza di periodi gloriosi che non ritorneranno più oppure non saranno più gli stessi. E come tutti tifosi anche Maurizio Rabbito non si perde d’animo e nutre sempre quella speranza che la sua squadra del cuore possa tornare a regalare emozioni.

«L’ho chiamato “Ricordi del Caltagirone Calcio” perché è una raccolta di foto che immortalano i bei momenti quando negli anni ’80 vinse il campionato e sfiorò persino la Serie C e tanti altri, l’ho voluto dedicare ai tifosi e agli appassionati del Caltagirone Calcio, per non dimenticare quei bei periodi. In questi anni il Caltagirone Calcio ha vissuto molte vicissitudini, dal fallimento alla rinascita, registrando tanti momenti buoi per il calcio calatino. Il calcio rappresenta per me una passione e un amore che nutro anche verso la città di Caltagirone. Adesso mi auguro un nuovo futuro per il Caltagirone Calcio, cominciando con lo stadio, perché avendo una struttura tutto il resto viene da sé: i giocatori possono allenarsi, c’è un campo dove poter disputare le partite, i tifosi possono assistere alle partite. Penso che una volta riqualificato l’Agesilao Greco qualche imprenditore possa farsi avanti e far continuare il sogno del Caltagirone Calcio». 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments