Calendario di Natale

di Alessia Giaquinta

“U’ 4 Barbara,

u’ 6 Nicola,

u’ 8 Maria,

u’ 13 Lucia

u’ 25 lu Gran Messia”

Ecco i numeri del Natale! Questa antica filastrocca, la cui parola sottointesa è “festa” (il 4 quella di Santa Barbara, il 5 quella di San Nicola, l’8 quella dell’Immacolata e il 13 quella di Santa Lucia), veniva tradizionalmente ripetuta per ricordare le principali ricorrenze religiose che anticipano e annunciano la nascita di Gesù Bambino.

Certamente, nei tempi passati emergeva in special modo il carattere spirituale di queste feste, accompagnate sempre da affascinanti riti, celebrazioni e credenze, oltre che da piatti e dolci tipici della tradizione popolare.

Oggi l’atmosfera natalizia ha integrato all’aspetto spirituale anche quello commerciale: un sincretismo di simboli e messaggi hanno arricchito e depauperato al tempo stesso questa festa. Ecco allora una breve guida delle nostre tradizioni, che sarà utile ad accrescere le consapevolezze e a non farci vivere un apatico e meccanico Natale.

4 dicembre

SANTA BARBARA

“Santa Barbara ntu munti stava, di lampi e di trona nun si scantava, si scantava dill’ira di Diu, Santa Barbara amuri miu”.

Questa martire cristiana, patrona di Paternò e Francavilla di Sicilia, è invocata quale protettrice di chi fa un lavoro pericoloso e di chi ha a che fare con il fuoco, nonché supplicata durante i temporali e le tempeste. Anticamente si riteneva che le condizioni metereologiche di questa giornata si replicassero il giorno di Natale. Inoltre, era usanza diffusa raccogliere dei rametti che, dopo essere stati immersi nell’acqua per una notte, venivano riposti in un vaso e nebulizzati con acqua di tanto in tanto, sino alla fioritura che coinciderebbe esattamente col giorno di Natale! Nelle case si prepara il torrone, il croccante della tradizione natalizia in Sicilia.

6 dicembre

SAN NICOLA

È San Nicola il vero Babbo Natale. La tunica rossa e il volto barbuto di questo Santo vescovo hanno ispirato la penna di Clement C. Moore che, nel 1822, forgiò il canone moderno della leggenda di Babbo Natale. Le due figure hanno in comune, oltre alla bontà di spirito, anche il particolare legame coi bambini.

In Sicilia, infatti, il Santo viene invocato quando cadono i dentini da latte. La credenza vuole che recitando una filastrocca e sotterrando il dentino, il Santo porti una ricompensa al bambino. Eccone il testo: San Nicola, San Nicola, vi dugnu la zappa (=dente) vecchia, vui mi dati la zappa nuova”. Insomma, possiamo dire che San Nicola, in Sicilia, lavora tutto l’anno, e non solo a Natale! La tradizione vuole che, per la sua festa, vengano preparati i panuzzi che anticamente erano considerati un rimedio infallibile per salvare da gravi pericoli.


8 dicembre

L’IMMACOLATA

È in questa giornata che entra nelle case l’atmosfera del Natale con l’allestimento dell’albero e del tipico presepe. Questa festa fu istituita nel 1854 ma, in Sicilia, il culto della totale purezza di Maria era già stato introdotto dai Bizantini nel VI secolo. Da lunghi secoli, infatti, il popolo siciliano è legato alla all’Immacolata, proclamata anche patrona del Regno delle Due Sicilie, nel 1643. Non è un caso, infatti, se tra i nomi più diffusi in Sicilia troviamo: Concetta, Concetto, Tina e Maria che in questa giornata festeggiano il loro onomastico. Muffolette, sfincione e buccellato sono solo alcuni dei piatti tipici preparati in Sicilia questo giorno.

13 dicembre

SANTA LUCIA

È la Santa siracusana ad anticipare, in tutto il mondo cristiano, la celebrazione del Natale. Panelle, arancine e cuccia non possono mancare, nelle case siciliane, per questa festa. Questi cibi, infatti, richiamano alla memoria i miracoli del grano che fece la Santa in tempi di carestie. Prima di mangiare questi piatti è necessario rivolgere una preghiera alla Santa oltre ad un’Ave Maria e un Padre Nostro. Inoltre, gli antichi dicevano: “Di Santa Lucia finu a Natali dudici jorna pi cu i sapi cuntari (= per chi li sa interpretare)”. A partire da questa festa, infatti, vi è la tradizione dei “Cariennili”, ossia la previsione del meteo di un intero anno, osservando le condizioni metereologiche che, a partire da questa giornata portano al Natale…

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments