Articolo di Sofia Cocchiaro   Foto di Samuel Tasca

Rosario Bruno è il direttore commerciale di Bruno Pelletteria, attività che oggi rappresenta un punto di riferimento nel settore della pelletteria per il territorio del Calatino.

Quando nasce l’attività?
«Nasce agli inizi degli anni ’90, come negozio al dettaglio di abbigliamento e accessori uomo, coniugando il brand alla qualità e dunque il cliente trovava dalla camicia su misura alla cravatta della migliore tradizione comasca, dalla maglieria pregiata ad esclusivi abiti sartoriali. Quando ho preso consapevolezza delle potenzialità del territorio decisi di specializzarmi nel settore della pelletteria e degli accessori, pregiandomi di aver diffuso i migliori brand e marchi che ancora oggi rappresentiamo e ci rappresentano».

La scelta di lavorare con l’abbigliamento e poi con gli accessori è stata casuale o è il frutto di una passione personale?
«Questa è una domanda molto interessante in quanto mi riporta indietro negli anni. La scelta non è per nulla casuale ma è il frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dapprima come passatempo, quando dall’età di tredici anni, dopo la scuola, mi dilettavo ad aiutare gli zii nella loro attività di vendita all’ingrosso e poi come lavoro vero e proprio presso uno dei centri all’ingrosso più importanti del Sud Italia negli anni ’80 e ’90. È proprio questa l’esperienza lavorativa più significativa e per mezzo della quale inizio a comprendere quale sarebbe potuta essere l’evoluzione nel campo delle vendite all’ingrosso».

In un’epoca in cui dilaga il così detto fenomeno dello “shop on line” qual è il messaggio che vuole dare ai suoi clienti o ai suoi futuri clienti?
«Ritengo che, pur rispettando l’evoluzione dei tempi e dei mezzi d’acquisto, vi sia un qualcosa nell’acquistare in store che inevitabilmente manca al web ovvero il fattore umano e il know how. Il cliente che viene a trovarci acquista in maniera consapevole rispetto ad ipotesi asettiche come quelle prese a paragone e appunto il web. Difatti mettiamo a disposizione la nostra professionalità in termini di esperienza e conoscenza oltre che, a monte, una rigida selezione dei marchi che ci pregiamo di trattare».

 

Lascia un commento
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *