Scrivi per iniziare la ricerca

Bianca Place Blog

A Palermo un bene confiscato alla mafia diventa il nuovo front-office dei Beni Culturali

Pubblica

Nel capoluogo di Regione, nei pressi della ben nota piazza Politeama, a breve avrà luogo il nuovo front-office dedicato alla valorizzazione e fruizione dei Beni Culturali siciliani.

“Cosa c’è di particolare in questa notizia?” – forse vi starete chiedendo, poiché ogni regione dovrebbe avere uno sportello dedicato come questo. La straordinarietà sta, di fatto, nella location individuata che ospiterà il front-office: si tratta, infatti, di un bene confiscato alla mafia.

«Guardo con molto entusiasmo all’iniziativa – dichiara l’assessore dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, Alberto Samonà – perché penso che trasformare un bene confiscato alla mafia in un luogo di conoscenza e di divulgazione della bellezza sia un importante segnale per la comunità tutta; un modo per affermare la positività della bellezza e della conoscenza come antitesi alla violenza e alla bruttezza della criminalità e della mafia».

Anche nell’idea di allestimento si è pensato a valorizzare la bellezza: lo spazio sarà una vera e propria vetrina illuminata con immagini della Sicilia proiettate al suo interno. I visitatori, turisti e non, potranno usufruire del nuovo front-office per ricevere informazioni sui siti e musei regionali e sulle iniziative legate ai Beni Culturali della Regione.

I lavori dovrebbero essere completati già nelle prossime settimane e così la città di Palermo potrà riappropriarsi di un bene che, da adesso in poi, sarà veicolo di promozione per l’intera Regione.

Tags: